Spiaggia della lingua, il gioiello nascosto di Procida

L’isola di Procida è ricca di scorci e di paesaggi che meritano senza dubbio di essere scoperti e ammirati.

Le sue spiagge e il suo mare non fanno invidia ad altri e di sicuro non sono secondi a nessuno, perciò offrono senza dubbio un’occasione importante per trascorrere qualche giorno in completo relax o per chi volesse una villeggiatura vera e propria.

Tra le spiagge più belle di Procida che si possono visitare, non perdetevi la piccola spiaggia della Lingua, che è vero sì che è molto piccola, ma veramente suggestiva e selvaggia.

Questo arenile si trova alle spalle del porto turistico dove approdano i traghetti, per la precisione è posta alla punta estrema sinistra del porto di Marina Grande. Rispetto alle altre spiagge dell’isola, non troverete la solita sabbia vulcanica scura bensì i ciottoli.

Per via della sua posizione molto vicina al porto, si può pensare che questa piccola spiaggia non abbia magari un particolare fascino, tuttavia non è proprio così perché nonostante la sua collocazione, non ha perso il suo lato naturalistico e soprattutto il suo essere un po’ “selvaggio”, cioè allo stato primordiale.

Questo è possibile anche grazie alla presenza del vicino costone di roccia che è del tutto ricoperto dalla vegetazione che la avvolge.

L’acqua del mare che la bagna è molto pulita, anche se un po’ mossa, ed il suo colore è di un blu intenso a causa del fondale molto alto.

La spiaggia della Lingua si affaccia direttamente sulla baia dell’isola di Procida, praticamente proprio di fronte al promontorio del Monte di Procida, che rappresenta un punto di snodo e di passaggio per il traffico del mare che proviene dalla terraferma.

Il mare trasparente è di un blu cobalto e merita di essere attraversato magari a nuoto per fare un bagno nel più completo relax e in totale tranquillità.

Sia che si viaggi in compagnia della propria famiglia, sia che ci si sposti da soli oppure insieme ai propri amici, in ogni caso la spiaggia della Lingua di Procida merita di essere vista e non solo, ma anche di essere “vissuta”, dal momento che troppo spesso si concede maggiore importanza a spiagge molto più turistiche, senza considerare che quelle apparentemente “secondarie” o più piccole sono al tempo stesso le più suggestive e incantevoli.

Come raggiungere la spiaggia della Lingua

Raggiungere la spiaggia della Lingua è abbastanza semplice: per arrivare a questo arenile si deve percorrere via Roma fino alla fine, ossia la principale via di Marina Grande.

Ci si arriva attraverso una scalinata che porta giù al costone di roccia partendo dalla fine di via Bartolomeo Pagano, che sarebbe una traversa che si incrocia sulla sinistra percorrendo Terra Murata.

Insomma, si tratta di un angolo di paradiso che si affaccia sul Golfo di Napoli, il quale regala emozioni e sensazioni intense sia per chi la visita occasionalmente, sia per i turisti fedeli che viaggiano in queste zone con più frequenza.

Al calar del sole, ossia al tramonto, si crea un’atmosfera surreale e intensa in grado di emozionare.

La sua ubicazione è molto semplice, anche perché la stessa isola di Procida non essendo molto grande è facilmente percorribile anche a piedi, e per tale ragione la spiaggia della Lingua è facilmente raggiungibile.

Quando si arriva sull’isola, o meglio quando si sbarca sull’isola, non passa inosservata, visto che è lì vicino.

Per tale ragione, ancor prima di raggiungere Procida, la si può ammirare nei pressi del porto appena si arriva col traghetto.

Sicuramente è una spiaggia che offre l’opportunità di godersi un momento di puro relax e piacere, vista la sua grandezza non eccessiva, per tale ragione non è mai troppo affollata.

In questo modo non essendo percorsa in maniera intensa, regala l’occasione di godere di situazioni di pace per una vacanza all’insegna del piacere ma anche del riposo, staccando totalmente la spina dalla solita routine quotidiana che ormai troppo spesso invade le nostre vite rendendoci nervosi e incapaci di provare sensazioni positive o di benessere.

Una volta raggiunta la spiaggia della Lingua, percorrendola a piedi si può anche arrivare fino alla spiaggia dell’Asino, altra spiaggia molto conosciuta e incantevole, la quale è stata descritta da Elsa Morante all’interno del suo libro “L’Isola di Arturo“.

La particolarità di questa spiaggia è dovuta anche alla sua sabbia, poiché è totalmente fatta da ciottoli e a differenza delle altre presenti sull’isola è l’unica che ha i sassi e non la sabbia sottile.

La sua collocazione la rende agevole da raggiungere e sul lato opposto si può anche ammirare la spiaggia della Sirulenza.

Chi arriva sull’isola non si immagina di trovare un posto tanto piccolo, ma grazioso un vero angolo di paradiso dove passare anche solo delle ore lontano dal caos e dallo stress quotidiano.

L’aspetto naturalistico e primordiale della spiaggia della Lingua

Molti potrebbero pensare che, data la sua posizione così vicina al porto, quindi posta in una zona di continuo transito e movimento, la spiaggia della Lingua ha perso il suo aspetto prettamente naturale, invece non è così, perché nonostante ciò non ha mai perso la sua apparenza puramente selvaggia e il suo ambiente completamente naturalistico, cioè immerso nella natura non contaminata e ancora allo stato primitivo.

La sua particolarità è il grande costone di roccia che la avvolge facendole quasi da “scudo”, in questo modo è preservata e maggiormente tutelata anche dall’eventuale manifestazione di agenti atmosferici.

Con questa protezione naturale, si tutela l’ambiente e conferisce ad esso la caratteristica migliore per essere il più originario e genuino possibile.

Perché ve la consigliamo?

Coloro che decidono di vivere l’isola di Procida, sia come luogo di vacanza che di relax, sia come posto da visitare che da scoprire, non possono non andare ad esplorare le spiagge più belle e particolari dell’isola, che oltre ad offrire un’occasione per fare un bagno rilassandosi, rappresentano anche l’opportunità per scoprire un luogo diverso e a tratti anche surreale dove sembra che il tempo si sia fermato.

La spiaggia della lingua è senza dubbio un posto da visitare, che merita di essere percorsa e vissuta da tutti i turisti occasionali o non che decidono di godersi le bellezze dell’isola di Procida, un luogo a volte magico che sembra celare bellezze nascoste e inimmaginabili, ma che sono in grado di stupire tutti, a partire dai più grandi fino ad arrivare ai più piccoli.

Per chi volesse scegliere una vacanza all’insegna del piacere e soprattutto senza doversi pentire, si consiglia di andare a Procida ed in particolare di bagnarsi nelle acque cristalline delle sue spiagge.