Le più belle spiagge di Procida

Complice il bel tempo e le temperature miti che al giorno d’oggi si prolungano fino ad autunno inoltrato, potrebbe essere un’ottima idea organizzare una gita fuori porta nel nostro territorio, e perché no, in una località marittima.

Situata in una posizione strategica e ricca di storia e bei paesaggi, la zona costiera della Campania, in particolar modo quella del Golfo di Napoli, è una delle più apprezzate e visitate al mondo.

L’isola più piccola dell’arcipelago campano, ma non per questo meno attrattiva, è Procida che, con le sue spiagge, caratterizzate da panorami e colori intensi, è certamente una delle mete più apprezzate, sia dai turisti stranieri che dagli abitanti locali.

Il grande attore-regista Massimo Troisi ha scelto quest’isola per girare nel 1994 il suo film-testamento più famoso, Il Postino, in cui si riconoscono l’isola di Procida con i suoi panorami e la Spiaggia del Pozzo Vecchio, che dopo la morte dell’attore sarà conosciuta anche come la Spiaggia del Postino, che diventa il luogo in cui si innamorano i protagonisti Mario (interpretato dal compianto Massimo Troisi, appunto), e Beatrice (la bellissima attrice Mariagrazia Cucinotta).

Fra stabilimenti balneari, spiagge attrezzate e spiagge libere più famose dell’isola di Procida, annoveriamo la Spiaggia di Chiaiolella, il lido Vivara, la spiaggia della Chiaia, il lido La Rotonda, Marina Grande, la spiaggia di Ciraccio, la spiaggia della Corricella e la Spiaggia della Lingua.

Sebbene in quanto a bellezza siano una alla pari dell’altra, andremo alla scoperta di alcune delle spiagge più famose e caratteristiche, che rendono unico al mondo questo dipinto a cielo aperto che è il Golfo di Napoli, con Procida e le sue spiagge.

Spiaggia del Postino

Sicuramente la spiaggia più conosciuta, grazie anche al famosissimo film “Il Postino” di Massimo Troisi, è la Spiaggia del Pozzo Vecchio, conosciuta dai più come la Spiaggia del Postino, in onore al meraviglioso film da cui prende il nome, che regala allo spettatore i colori e i paesaggi marittimi tipici del posto.

La spiaggia, con il suo letto di sabbia vulcanica, è situata in una conca, intima e molto silenziosa; il contrasto con la sabbia scura ed il mare azzurro è certamente una delle caratteristiche peculiari che la rendono così apprezzata.

La baia all’interno della quale prende forma la spiaggia è circondata da insenature e grotte che certamente donano all’ambiente un aspetto più selvaggio.

La location in cui è collocata è perfetta per staccare la spina ed abbandonarsi al leggero cullar delle onde, con lo scrosciare del mare che crea un sottofondo ideale per una vacanza completamente dedita al relax.

L’arenile è suddiviso in spiaggia libera o in spiaggia attrezzata, certamente più comoda per famiglie con bambini al seguito.

Come arrivare alla spiaggia più famosa di Procida? Con una passeggiata di circa 20 minuti, partendo dal porto, oppure tramite autobus.

Spiaggia di Chiaiolella

Spiaggia della Chiaiolella

La spiaggia di Chiaiolella, chiamata anche “Ciracciello” dagli abitanti del posto, è la spiaggia con il litorale più lungo, e probabilmente anche la più frequentata fra le spiagge di Procida.

E’ situata accanto al porto turistico di Chiaiolella, da cui appunto prende il nome.

L’area antistante alla spiaggia è un vero e proprio paradiso mediterraneo, con zone sia rocciose sia verdeggianti, che rendono ancora più suggestivo il paesaggio.

E’ separata dalla spiaggia di Ciraccio da due imponenti faraglioni formati dal tufo, conseguenza di una frana del lato di costa che in origine divideva le spiagge del litorale.

La sabbia è scura e vulcanica, che rende il contrasto con il mare ancora più incredibile, con sfumature dell’acqua blu e azzurre.

Per i più sportivi è possibile praticare il surf, grazie ai venti di maestrale che qui soffiano spesso, creando onde abbastanza alte da poter essere domate.

Anche qui, sono presenti stabilimenti balneari e ristoranti, che rendono il soggiorno completo di tutti gli agi possibili.

La spiaggia è facilmente raggiungibile dalla strada che la sovrasta, oppure è possibile arrivare qui tramite autobus in partenza dal porto di Marina Grande.

Spiaggia della Chiaia

Spiaggia della Chiaia

La Spiaggia della Chiaia è certamente una delle spiagge più centrali dell’isola, ma anche una delle meno battute, a causa della sua impossibilità di essere raggiunta con i mezzi di trasporto convenzionali.

Questa sua caratteristica la rende infatti più selvaggia rispetto alle altre, nonostante anche qui non manchino sia la zona di spiaggia libera, sia gli stabilimenti balneari e le spiagge attrezzate.

Ciò che rende incredibile questa piccola perla, oltre alla sua natura selvaggia e quasi incontaminata, è lo splendido paesaggio in cui è incastonata; dalla spiaggia si ammira infatti il suggestivo e bellissimo castello di Procida, costruito nel diciottesimo secolo a picco sul mare, luogo di interesse per i più attenti alla storia artistica del territorio.

Il fondale, come in quasi tutta l’isola, è formato da sabbia tufacea scura, quasi nera, che rende l’azzurro del mare ancora più vivace.

Come già anticipato, la spiaggia della Chiaia è raggiungibile a piedi, scendendo una scalinata di ben 186 gradini, oppure via mare.
Impervio, certamente, ma la fatica sarà ripagata da una vista che vi toglierà il fiato.

Spiaggia della Lingua

Spiaggia della Lingua

La Spiaggia della Lingua, non troppo grande ma con un panorama unico, non è caratterizzata da sabbia scura o dorata, bensì da una distesa di ciottoli e sassi ben levigati.

Non molto lontana dal porto, è inclusa fra lingue rocciose, da qui il suo nome, ricoperte di alberi ed arbusti, che la riparano dall’ambiente circostante e la rendono agli occhi dei natanti particolarmente selvaggia.

Non fatevi spaventare dalla vicinanza con il porto; il fondale è piuttosto profondo, ma questo colora l’acqua di blu intenso, e unito al suo panorama su cui si staglia il promontorio del Monte di Procida, la rende certamente uno dei litorali più apprezzati fra quelli delle spiagge di Procida.

La vicinanza a botteghe artigiane, negozietti e ristoranti trova apprezzamento sia da parte delle coppie che da parte delle famiglie con bambini.

Non perdetevi infine lo spettacolo del tramonto sulla spiaggia, che tinge tutto quanto il panorama di un intenso e caldo color rosa; nei giorni particolarmente limpidi potrete scorgere da lontano anche il maestoso Vesuvio.

La Spiaggia della Lingua è facilmente raggiungibile, grazie ad una comoda scalinata posizionata poco sopra il litorale.

Spiaggia di Ciraccio

Spiaggia di Ciraccio

Ultima della nostra lista, ma non per questo meno importante, è la Spiaggia di Ciraccio, la più lunga in estensione di tutte le spiagge di Procida.

Molto frequentata tanto dai turisti quanto dagli abitanti del posto, anche questo arenile si presenta con una lunga distesa di sabbia chiara ed un fondale che discende gradualmente.

Come descritto nei paragrafi precedenti, la Spiaggia di Ciraccio è divisa dalla Spiaggia di Chiaiolella da due faraglioni di tufo, ma a dispetto della sorella, è molto meno frequentata e più appartata.

La sua posizione ad ovest la rende la spiaggia ideale per gli amanti dell’abbronzatura, difatti è esposta tutto il giorno al sole.

Fornita di stabilimenti balneari e di aree adibite al campeggio, è sicuramente apprezzata sia da vacanzieri più avventurosi, sia da famiglie alla ricerca di ogni comfort.

Bellissima e memorabile la passeggiata di circa mezz’ora per giungere alla spiaggia, più comodo invece il tragitto in auto di circa quindici minuti.

Spiaggia della Silurenza

Spiaggia della Silurenza – Procida

La spiaggia della Silurenza ti dà il benvenuto a Procida essendo la prima spiaggia che si incontra appena si scende dall’aliscafo.

Si trova vicino al porto di Marina Grande, ed è conosciuta anche come Spiaggia delle Grotte, a causa delle numerose grotte di tufo che ad essa si affacciano, o spiaggia del Cannone, dal nome dello scoglio che affiora nelle sue acque, a 50 metri dalla riva.

Fonte di divertimento per grandi e piccini, che lo utilizzano come trampolino per i loro tuffi, tale scoglio spesso viene adibito a punto di ormeggio per le barche in difficoltà a causa del vento. Si pensa che debba il nome ad un cannone impiantato al suo interno, risalente al periodo post bellico.

Come nella maggior parte delle spiagge dell’isola, anche qui la sabbia è scura, e crea un bel contrasto con la rigogliosa macchia mediterranea che la incornicia e il blu del mare che la accoglie. I fondali, che si mantengono bassi per diversi metri dalla riva, rendono la Silurenza adatta ai bambini e alle famiglie in generale.

Libera per buona parte della sua superficie, tuttavia sa soddisfare i turisti più esigenti garantendo servizi di ristorazione in loco. Trovano infatti spazio, tra la sua sabbia perlacea, un bar-ristorante e anche un piccolo stabilimento balneare.

È  raggiungibile sia a piedi che in auto percorrendo via Roma.

Conclusione

Ce n’è per tutti i gusti, quindi, nelle spiagge dell’isola di Procida.

Che vogliate trascorrere qualche giorno all’aria aperta nelle spiagge libere, tentare di diventare campioni negli sport acquatici, abbronzarvi così tanto da farvi invidiare dai colleghi, o passare le meritate ferie estive con tutta la famiglia nei bellissimi stabilimenti balneari, troverete sicuramente un pittoresco e suggestivo angolo di paradiso dove poter esaudire tutte le vostre richieste.



Booking.com